Saverio Petrillo, al servizio di sette papi nelle estati di Castel Gandolfo

Senza categoria
Annunci
Senza categoria

IN FOCUS
Why Shroud of Turin’s Secrets Continue to Elude Science
As the venerated relic goes on public exhibition, its origin remains a mystery wrapped in an enigma.

Nuns at a convent in Turin, Italy, unroll a cherished copy of the shroud made in 1644. Unlike this painted version, the original shroud shows no evidence of artificial pigments.
PHOTOGRAPH BY MARCO ANSALONI
By Frank Viviano, National Geographic
PUBLISHED APRIL 17, 2015
The 53-square-foot rectangle of linen known as the Shroud of Turin is one of the most sacred religious icons on Earth, venerated by millions of Christians as the actual burial garment of Jesus Christ.
It is also among the most fiercely debated subjects in contemporary science, an extraordinary mystery that has defied every effort at solution.

Over the 117 years since a photographic negative of the linen unexpectedly revealed the image of a tortured body, ranks of physicists and chemists have weighed in on the fabric’s age and the image’s composition. Forensic pathologists, microbiologists, and botanists have analyzed its bloodstains, along with specks of dirt and pollen on its surface. Statisticians have combed through mountains of data.

The sum result is a standoff, with researchers unable to dismiss the shroud entirely as a forgery, or prove that it is authentic. “It is unlikely science will provide a full solution to the many riddles posed by the shroud,” Italian physicist Paolo Di Lazzaro, a leading expert on the phenomenon, told National Geographic. “A leap of faith over questions without clear answers is necessary—either the ‘faith’ of skeptics, or the faith of believers.”

On April 19, the shroud goes on public display at Turin’s cathedral for seven weeks, its longest exhibition in modern history.
To readers of the New Testament gospels, the mysterious man of the shroud evokes the slain Christ, complete with signs of scourging, crucifixion, and puncture wounds caused by a crown of thorns.
PHOTOGRAPH BY FRANCOIS LEDIASCORN, GAMMA-RAPHO, GETTY IMAGES
The Scientific Record
Scientific inquiry into the shroud began in 1898, with the startling image captured by Italian amateur photographer Secondo Pia. Under normal conditions, only the vague sepia blur of a human body appears on the fabric. But when Pia examined the reverse negative of his photographic plate in the darkroom, he discovered the detailed likeness of a bearded man with visible wounds on his body.

For seven decades, indirect analyses of the image were conducted by researchers, most aimed at determining whether it had been painted onto the linen or produced through contact with a human corpse. It wasn’t until 1969 that scientists were allowed to examine the fabric directly, with the task of advising on preservation techniques and future testing. This set the scene for the establishment of the U.S.-led Shroud of Turin Research Project (STURP), which was granted an unprecedented five days of continuous access to the shroud itself in 1978.

The project’s 33 members ran the gamut of scientific disciplines, and their credentials included high-level posts at 20 major research institutions. They arrived in Turin with seven tons of equipment and worked in shifts 24 hours a day. An associate team of European scientists acted as expert observers.

Their analyses found no sign of artificial pigments. “The Shroud image is that of a real human form of a scourged, crucified man. It is not the product of an artist,” the project’s 1981 report declared. “The blood stains are composed of hemoglobin and also give a positive test for serum albumin.” But the report also conceded that no combination of “physical, chemical, biological or medical circumstances” could adequately account for the image.

The Shroud of Turin, the STURP team concluded, “remains now, as it has in the past, a mystery.”
The Carbon-14 Bombshell
In 1988, the Vatican authorized carbon-14 dating of the shroud. Small samples from a corner of its fabric were sent to labs at the University of Oxford’s Radiocarbon Accelerator Unit (RAU), the University of Arizona, and the Swiss Federal Institute of Technology. All three found that the shroud material dated to the years between 1260 and 1390, more than a millennium after the life and death of the historical Jesus.

Marks on the Shroud of TurinClick the icons for more information.
DamageInterpretation of stainsNG STAFF
PHOTO BY FINE ART IMAGES/HERITAGE IMAGES/GETTY IMAGES
The labs assessed the reliability of their estimate at 95 percent. To make the case even more convincing, the dates closely coincided with the first documented appearance of the Shroud of Turin in 1353.

Since their release 27 years ago, the carbon-14 dating results have become the focal point of the shroud controversy, with a stream of critics taking aim at its methodology and conclusions.

Among the most innovative critiques were those published in 2010 by statisticians Marco Riani, of the University of Parma in Italy, and Anthony Atkinson, of the London School of Economics. In a recent interview with National Geographic, they noted that the laboratories conducting the carbon-14 tests were in full agreement on the ages of control fabrics from an ancient Egyptian mummy, a medieval Nubian tomb, and a medieval French ecclesiastical vestment. Yet raw data from the same tests on the shroud yielded results that differed by more than 150 years.

The published carbon-14 findings were the mean results drawn from the combined data of the three labs. It was assumed that the data were “homogeneous”—near-identical age estimates based on repeated measurements of the samples, each of which had been divided into four segments for testing.

But when computers crunched through all 387,072 ways to cut the samples, they identified a marked pattern of variations. “The dating which comes from a piece at the top edge [of an uncut sample] is very different from the date which comes from a piece taken from the bottom edge,” Riani explains.

“Our research does not prove that the shroud is authentic, nor that it is 2,000 years old,” he cautions. But it does call into question the carbon-14 report’s assertion of “conclusive evidence that the linen of the Shroud of Turin is medieval.”

The Oxford lab insists that the 1988 conclusions were accurate, and rejects arguments that the test samples were flawed.
The Question of Questions
Looming above all other issues is what physicist Paolo Di Lazzaro calls “the question of questions”: how the image was produced, regardless of its age. Every scientific attempt to replicate it in a lab has failed. Its precise hue is highly unusual, and the color’s penetration into the fabric is extremely thin, less than 0.7 micrometers (0.000028 inches), one-thirtieth the diameter of an individual fiber in a single 200-fiber linen thread.

SEE RELATED STORY
Il viaggio della Sindone
Di Lazzaro and his colleagues at Italy’s National Agency for New Technologies, Energy and Sustainable Economic Development (ENEA) conducted five years of experiments, using state-of-the-art excimer lasers to train short bursts of ultraviolet light on raw linen, in an effort to simulate the image’s coloration. The ENEA team, which published its findings in 2011, came tantalizingly close to approximating the image’s distinctive hue on a few square centimeters of fabric. But they were unable to match all the physical and chemical characteristics of the shroud image. Nor could they reproduce a whole human figure.

Picture of Church of the Holy Sepulchre
Visitors to Jerusalem’s Church of the Holy Sepulchre gather around the Stone of Anointing, held by church tradition to be the spot where Christ’s body was prepared for burial.
PHOTOGRAPH BY MARCO ANSALONI
The ultraviolet light necessary to do so “exceeds the maximum power released by all ultraviolet light sources available today,” says Di Lazzaro. It would require “pulses having durations shorter than one forty-billionth of a second, and intensities on the order of several billion watts.”

If the most advanced technologies available in the 21st century could not produce a facsimile of the shroud image, he reasons, how could it have been executed by a medieval forger?

For believers, the radiation thesis suggests that a “divine light” in the tomb might have seared the crucified form of Jesus Christ onto the shroud. “One could look at hypotheses outside the realm of science, a sort of miracle,” says Di Lazzaro. “But a miracle cannot be investigated by the scientific method.”

Picture of 3-dimensional reproduction of the sacred linen
A life-size reproduction of the shroud at a Turin museum has been photographically enhanced. The actual image appears as faint as an apparition.
PHOTOGRAPH BY MARCO ANSALONI

Historical Backdrop
References to various “divine images” of Christ, some explicitly described as burial sheets, reach back 15 centuries. Whether or not any was the linen known today as the Shroud of Turin is uncertain. The history is clearer after 1353, when a French knight, Geoffroi de Charny, acquired the shroud and deposited it at a monastery in Lirey, France, 130 miles east of Paris. By the early 16th century, it had been moved to the city of Chambéry, where it was damaged by a fire in 1532, leaving scorch marks and water stains that are still visible on the fabric. Its owner by then was the aristocratic House of Savoy.

In 1578, the Savoys moved the shroud to their capital, Turin. It has been there ever since, housed in the royal chapel of the Cathedral of Saint John the Baptist. In 1983, it was legally turned over to the Catholic Church.

The Vatican takes no official position on the shroud’s authenticity, although it encourages the faithful to venerate it as a symbol of Christ’s suffering. As Pope John Paul II put it in 1998, “The Church entrusts to scientists the task of continuing to investigate.”

Senza categoria

Gli studi sulla Formazione dell’Immagine della Sindone di Torino
(Condotti Esperimenti dal 2005)

Esperimenti sulla generazione di immagine sulla Sindone di Torino (dal 2005)

Torna alla pagina principale
Vai alla pagina principale

sindone (76K)
Fotografia della Sindone di Torino (dal sito www .sindone.org) e Suo negativo bianco / nero.
Le Dimensioni della Sindone Sono di circa 441 centimetri di lunghezza e 113 centimetri in larghezza Fotografia della Sindone di Torino (da
http://www.sindone.org) insieme con l’immagine in bianco e nero The Sindone è 441 centimetri di lunghezza e 113 centimetri di larghezza

Pagina con alcune foto degli Ultimi Esperimenti realizzati nel laboratorio – Pagina su esperimenti recenti e foto

Per una paronamica sul Problema della Formazione dell’Immagine – Riguardo la generazione dell’immagine (in italiano)
Un approccio Scientifico alla Formazione dell’Immagine della Sindone di Torino (I parte)

Per una panoramica Sugli studi Condotti Dai Ricercatori del laboratorio Eccimeri – Chi gli esperimenti ENEA (in italiano)
Un approccio scientifico alla Formazione dell’Immagine della Sindone di Torino (II parte)

Presentazioni un Conferenze

ATSI – BARI 2014 colorazione Sindone-like, la conservazione, le misure e l’elaborazione delle immagini Un’indagine di esperimenti presso l’ENEA di Frascati ATSI – BARI 2014 Le Misure dei Ricercatori dell’ENEA di Frascati sulla copia della Sindone di Arquata del Tronto (giugno 2014) A rapporto su recenti misurazioni su una copia della Sindone si trovano in Arquata del Tronto (Ascoli Piceno, Italia)Servizio del TG3 Sulle Misure dell’ENEA sulla copia della Sindone di Arquata del Tronto Broadcasting trasmissione sulle misure a Arquata del Tronto (Ascoli Piceno, Italia) 1 ° Congresso Internazionale sulla Sindone in Spagna – Valencia (2012) Può una raffica di radiazioni creare una colorazione Sindone simile? Una sintesi di 5-anni esperimenti presso l’ENEA di Frascati Articoli scientifici pubblicati do riviste Internazionali – lavori pubblicati su riviste internazionali SHS Web delle Conferenze: “Sindone come colorazione del lino, misure di conservazione e la percezione dei modelli sulla Sindone di Torino”Applied Optics: “Colorare biancheria con laser ad eccimeri per simulare l’immagine corporea della Sindone di Torino ” Journal of Imaging Science and Technology: “della radiazione ultravioletta profonda simula l’immagine della Sindone di Torino” Ottica Applicata: “colorazione superficiale e Sindone come biancheria da brevi impulsi laser nel vuoto ultravioletti ” (link alla rivista – link al documento pubblicato)Pattern Recognition: “Pattern Recognition dopo l’elaborazione delle immagini di immagini a basso contrasto, il caso della Sindone di Torino” (link to rivista – link al documento pubblicato) Rapporti tecnici ENEA – riporta ENEA tecnico Colorazione simil-sindonica di Tessuti di lino TRAMITE Radiazione nel Lontano ultravioletto Sindone come la colorazione della biancheria da impulsi laser nanosecondo nell’ultravioletto vuoto Percezione dei modelli dopo l’elaborazione digitale delle immagini a basso contrasto, il caso della Sindone di Torino Studio multidisciplinare della Sindone di Arquata del Tronto Rivista ENEA “Energia Ambiente Innovazione” – ENEA rivista “Energia Ambiente Innovazione” La conservazione della Sindone di Torino: Ottico Studi Notizie dal sito ufficiale ENEA – News dal sito ENEA Nei Laboratori ENEA di Frascati ottenuta la Colorazione di un telo di lino Notizie Dalla stampa – Notizie dai media Articolo sulla Sindone di Torino e su Quella di Arquata su “OGGI” con intervista a Paolo Di Lazzaro (Notizie da “OGGI” con un’intervista a Paolo Di Lazzaro) Articolo sull’ostensione della Sindone di Arquata del Tronto apparso su con “Avvenire” intervista a Paolo Di Lazzaro(Notizie da “Avvenire” con un’intervista a Paolo Di Lazzaro) Articolo apparso su “L’Osservatore Romano” con commenti di mons. Ghiberti (Notizie da “L’Osservatore Romano”, con un commento di Mons. Ghiberti) Article apparso su “La Stampa” con intervista al prof. Baima Bollone (Notizie da “La Stampa”, con un’intervista al prof. Baima Bollone) Articolo apparso sul “Corriere del Sud” con intervista a Paolo di Lazzaro (Notizie da “Corriere del Sud” con un’intervista a Paolo Di Lazzaro) Article apparso su “The Catholic Herald” con intervista a Paolo di Lazzaro (Notizie da “The Catholic Herald” con un’intervista a Paolo Di Lazzaro) Notizie sul Web Articolo del National Geographic sulla Sindone di Torino con un’intervista a Paolo Di Lazzaro (“National carta geografica sulla Sindone di Torino con un’intervista a Paolo Di Lazzaro “) link alla pagina della Conferenza di Frascati Sulle immagini acheropite (“Link alla conferenza Frascati sulle immagini acheiropoietos”) Di Lazzaro Risponde alle obiezioni (“Di Lazzaro risponde a alcune obiezioni “, da www.uccronline.it) Intervista a Paolo Di Lazzaro Sugli Condotti Esperimenti in ENEA Le ultime notizie di esperimenti biancheria colorazione dell’ENEA di Frascati, intervista al dottor Paolo Di Lazzaro) L’Enea: la Sindone falso un Non E medievale (“ENEA: la Sindone non è un falso medievale”, da www.lastampa.it) O. Romano: la Sindone non e ‘un falso (“Da L’Osservatore Romano: la Sindone non è un falso”, da www.tg1.rai.it) Sindone: Studio dell’ENEA smentisce Che Sia un falso medievale (“Shroud: studio ENEA nega che si tratta di un falso medievale “, da www.agi.it) Sindone: Enea la riproduce in laboratorio (“Sindone: ENEA riproduce in un laboratorio”, da www.ansa.it) Mistero della Sindone: fu un lampo di luce? I Risultati di Un’indagine (“Il mistero della Sindone: si trattava di un lampo di luce I risultati di uno studio”, da www.documentazione.info) Il fascio di luce Che potrebbe Aver impresso la Sindone (“Il fascio di luce che potrebbe aver colorato la Sindone “, da www.zenit.org) L’ENEA Conferma: la Sindone non e ‘opera di un falsario (ENEA conferma: la Sindone non è un lavoro di un falsario, da www.anapscuola.it) La Sindone non ë un falso (“La Sindone non è un falso” da lastampa.it) Le Ricerche dell’Enea sulla Sindone. Padre Pascual: strada lunga ma passo in avanti verso l’autenticità (“La ricerca ENEA sulla Sindone: Padre Pascual: un percorso lungo, ma un passo verso l’autenticità” di it.radiovaticana.va) Sindone di Torino non può essere un falso, i ricercatori dicono: gli scienziati non sono in grado di replicare l’immagine simile a Cristo di stoffa (da www.nydailynews.com) Sindone di Torino, sudario di Gesù Proposto ‘, è autentico, studio italiano suggerisce (da www.huffingtonpost.com) La Sindone di Torino non era falso, italiano dicono gli esperti (da abcnews.go.com) Qual è la natura delle immagini? (Da www.shroud-enigma.com) Breve documentario Che Riporta i Risultati degli Esperimenti ENEA (da RealCatholicTV.com) (Short documentario sugli ultimi esperimenti ENEA, da RealCatholicTV.com) Vaticano II dice Sindone di Torino ha dimostrato genuino (da www.upi .com) È stato Sindone creato in un lampo? (Da NBCNews.com) Gli scienziati suggeriscono Sindone di Torino Authentic (da Sci-news.com) Una nuova ricerca ENEA sul sacro Lino conservato a Torino (da Vatican Insider) giornale ufficiale del Vaticano dice che la scienza non può spiegare Sindone di Torino (da www.telegraph. co.uk) La Sindone di Torino: contraffazione o divina? A scrive scienziato (da The Telegraph blog) studio italiano afferma Sindone di Torino è autentica la tunica di Cristo sepoltura (da theshroudofturin.blogspot.it) Video Documentario trasmesso da RAI 2 comprensivo degli studi eseguiti a Frascati (A 45 minuti documentario trasmesso da RAI 2, tra cui Esperimenti biancheria irraggiamento fatto a ENEA Frascati). Intervista a Paolo Di Lazzaro su RAI 1 (Intervista al Dott Paolo Di Lazzaro, da RAI 1) Paolo Di Lazzaro, Daniele Murra e Antonino Santoni Parlano della Sindone nel Programma “Geo Scienza” (ENEA ricercatori parlano della Sindone in un programma televisivo italiano scientifico) Intervista a Paolo Di Nella Trasmissione Lazzaro “Mattino in famiglia” di Dicembre 2011 (Intervista a Paolo Di Lazzaro in una trasmissione broadcasting italiano) Sindone, Ricerche ENEA (ufficio stampa ENEA) (Shroud , la ricerca ENEA, da ENEA Agenzia di stampa) La sfida di Richard Dawkins per Shroud-Enigma.com













































free web counter

Senza categoria

DAI RICERCATORI ENEA I RISULTATI DEGLI ESPERIMENTI CON IL LASER AD ECCIMERI PER LA RIPRODUZIONE IN LABORATORIO DI UN’IMMAGINE SIMILE ALLA SINDONE DI TORINO


Intervista al dott. Paolo Di Lazzaro, responsabile del Laboratorio Eccimeri del Centro Ricerche ENEA di Frascati
Perché un lenzuolo di lino rettangolare lungo 4,4 metri e largo 1,1 metri, che porta impressa un’immagine frontale e dorsale di un uomo flagellato e morto in croce, è divenuto uno degli oggetti più studiati al mondo? Secondo la tradizione cristiana la Sindone ha avvolto il corpo di Gesù e l’immagine impressa sarebbe, quindi, quella del Cristo; eppure a interessarsi della Sindone non è solo il mondo storico-religioso, ma anche quello scientifico.
“La Sindone è un enigma scientifico a molte facce.” Ci spiega il dott. Paolo Di Lazzaro, responsabile del Laboratorio Eccimeri del Centro Ricerche ENEA di Frascati. E in effetti le domande sono numerose. “La misura di radio datazione effettuata con il carbonio 14, per esempio, ha collocato l’origine del telo in pieno medioevo (1260 – 1390) ma questa misura sembra aver sofferto sia di errori materiali di calcolo sia di problemi di contaminazione, ed è in contrasto con molti indizi tessili, iconografici, storici che suggeriscono che questo telo sia più antico di quanto dica la radio datazione”. 
Il principale interrogativo, però, sembra riguardare la realizzazione di questa immagine che ha caratteristiche chimiche e fisiche praticamente impossibili da replicare oggi, e a maggior ragione nel medioevo o in tempi più remoti. “Fra le tante caratteristiche peculiari, l’immagine si presenta come un negativo fotografico; il colore risiede solo in uno strato molto superficiale dei fili del tessuto e le sue sfumature contengono informazioni tridimensionali. Le numerose tracce ematiche (sangue, siero, birilubina 1) sul telo sono pienamente rispondenti ad un uomo crocefisso e fortemente traumatizzato e la mancanza di immagine sotto le macchie di sangue suggerisce che il sangue stesso abbia schermato il lino dalla causa dell’immagine, quindi il sangue si è depositato prima della formazione dell’immagine. Queste caratteristiche sono talmente difficili da riprodurre, anche con la tecnologia attuale, che rendono assai improbabile l’ipotesi del falsario medioevale in grado di creare questa immagine”.
Dott. Di Lazzaro perché vi siete interessati alla Sindone?

La curiosità è una delle caratteristiche principali degli scienziati. Di fronte all’immagine sindonica, invece di porci la domanda sul “quando?” a Frascati ci siamo chiesti “come?”. Tempo fa abbiamo visto alcune foto al microscopio del tessuto della Sindone di Torino e abbiamo notato una somiglianza con le fibre di tessuto che avevamo colorato con i nostri Laser per conto di alcune industrie tessili. Ci siamo chiesti se era possibile, con le nostre conoscenze e tecnologie, produrre una immagine simil-sindonica.
In cosa consistono i vostri esperimenti e cosa siete riusciti a dimostrare?


I risultati ottenuti sono andati oltre ogni nostra aspettativa. Abbiamo dimostrato che un impulso di luce ultravioletta2 estremamente breve (pochi miliardesimi di secondo) in un intervallo ristrettissimo di valori di energia e densità di potenza è in grado di colorare con la stessa cromaticità dell’immagine sindonica il tessuto di lino in modo molto superficiale, in pratica solo gli strati più esterni del singolo filo di lino.
Più precisamente, ciascun filo di lino (che ha un diametro di circa 0,3 millimetri) è composto da circa 200 fibrille3. Noi siamo riusciti a colorare il primo strato di fibrille esposto alla luce laser, il cosiddetto “primary cell wall” della fibrilla di lino, una pellicola sottilissima spessa 0,2 micrometri che circonda la fibrilla, lasciando la parte interna della stessa fibrilla non colorata. Questa è una delle caratteristiche dell’immagine sindonica più difficili da replicare. Inoltre abbiamo osservato che bastava variare di pochissimo il valore di intensità per ottenere una colorazione sempre superficiale, ma molto più profonda di 0,2 micrometri.4 Si tratta della prima volta che, in analogia con l’immagine sindonica, si riesce a colorare solo il “primary cell wall” della fibrilla di lino tramite radiazione, un risultato mai ottenuto sinora con metodi chimici a contatto (coloranti, paste chimiche, polveri, acidi, vapori, ecc) e avvicinato solo da una tecnica che utilizza la cosiddetta “scarica ad effetto corona”5 e che emette luce ultravioletta.
Questi risultati sono stati riassunti in tre articoli pubblicati sulle riviste scientifiche statunitensi Applied Optics nel 2008 e 2012 e Journal of Imaging Science and Technology nel 2010, e nella rivista Pattern Recognition nel 2013.
Con il vostro laser siete riusciti a colorare in modo superficiale un telo di lino dopo anni di studi per capirne i meccanismi fisico-chimici.

L’idea iniziale era di sfruttare l’elevato assorbimento nell’ultravioletto della cellulosa, che costituisce il 75% delle fibre di lino, per ottenere una colorazione estremamente superficiale, in uno spessore micrometrico o sub-micrometrico. Di conseguenza la scelta è ricaduta sui sistemi laser a eccimero perché sono i laser con maggiore potenza emessa nell’ultravioletto. Abbiamo inviato gli impulsi di luce ultravioletta emessi dai nostri laser ad eccimeri a bombardare vari tessuti di lino, sia grezzi che sbiancati, fabbricati recentemente ma con antiche tecniche, come quella del telaio a mano.
Non avendo trovato in letteratura esperimenti di colorazione di lino tramite luce laser ultravioletta, abbiamo iniziato gli esperimenti in cieco, variando tutti i parametri laser (durata temporale, intensità, numero di impulsi consecutivi) in un ampio intervallo di valori.  Questa procedura ha richiesto circa due anni per essere completata. Alla fine siamo riusciti a trovare i parametri laser adatti a colorare in modo simile alla sindone i tessuti di lino, con una sorpresa: è sufficiente, infatti, una piccola variazione dei parametri laser per non ottenere più la colorazione.
Un ulteriore effetto che avete ottenuto è stata un’ “immagine latente”, di cosa si tratta?


Appena al di sotto dell’intensità minima per generare la colorazione, è possibile ottenere una colorazione invisibile, che “appare” solo dopo un invecchiamento naturale del lino di circa due anni, oppure dopo un invecchiamento artificiale ottenuto con pochi secondi di riscaldamento del tessuto a 190 gradi centigradi. Anche in questo caso siamo riusciti a individuare i principali meccanismi fisico-chimici che sottendono la generazione di queste immagini latenti.


Ma allora, in base ai vostri risultati, è possibile riprodurre l’immagine sindonica con le stesse dimensioni?

Diciamo che è molto difficile. Se consideriamo la densità di potenza di radiazione che noi abbiamo utilizzato per ottenere la colorazione di un solo centimetro quadrato di lino, per riprodurre l’intera immagine con un singolo flash di luce sarebbero necessari quattordicimila laser, pensate ad un intero palazzo pieno di laser.
Il nostro è l’ultimo di centinaia di tentativi di riproduzione, i primi hanno utilizzato tecniche a contatto con risultati simili all’originale ad occhio nudo, ma molto diversi se osservati al microscopio. In tempi recenti si è pensato di utilizzare irraggiamenti sia tramite particelle (protoni) sia tramite radiazione ultravioletta emessa da scariche elettriche tipo corona o direttamente da sorgenti laser, come nel nostro caso.


I risultati che avete ottenuto possono essere una risposta a uno dei misteri della Sindone?


Quando si parla di un flash di luce che riesce a colorare un telo di lino in modo simile alla sindone è facile portare il discorso nell’ottica del miracolo e della resurrezione. Ma come scienziati, noi ci occupiamo solo di eventi scientificamente riproducibili, e la resurrezione non lo è. Quello che posso dire con assoluta certezza è che il nostro risultato è riproducibile in laboratorio, lo abbiamo verificato più volte con attenzione. Se i nostri risultati scientifici possono aprire un dibattito filosofico e teologico, le conclusioni le lasciamo agli esperti dei rispettivi campi, e in definitiva alla coscienza di ciascuno di noi.

Approfondimenti


Da sinistra a destra: Daniele Murra, Paolo Di Lazzaro e  Giuseppe Baldacchini

Colorazione latente del tessuto, che si evidenzia dopo invecchiamento artificiale (riscaldamento) o naturale
Foto al microscopio petrografico di una fibrilla di lino (al centro) parzialmente irraggiata
da laser eccimero. Le zone irraggiate e non irraggiate da luce laser sono ingrandite negli inserti
in alto e in basso, rispettivamente. La parte irraggiata evidenzia zone luminose a causa della
perdita della birifrangenza, sintomo di fragilità e stress e disidratazione indotti dalla radiazione laser
Immagine al microscopio ottico di un filo di lino (ingrandimento 20X) dopo irraggiamento laser
eccimero. Si possono notare modifiche morfologiche della struttura superficiale delle fibrille simili
a quelle osservate nelle fibrille di immagine della Sindone
Effetto di colorazione latente. Sopra: tessuto di lino irraggiato con intensità laser inferiore
al valore di soglia per ottenere la colorazione. La parte a destra in alto è stata scaldata a
190°C per 15 secondi per ottenere un invecchiamento (disidratazione) artificiale, ed evidenzia
una colorazione in corrispondenza alla zona irraggiata. Sotto: lo stesso tessuto un anno dopo:
anche la parte non riscaldata mostra una colorazione dopo invecchiamento naturale


Filo di lino dopo irraggiamento laser eccimero. Le fibrille esposte alla luce laser sono colorate gialle
con una cromaticità simile a quella sindonica, mentre le parti del filo coperte dall’intreccio
trama-ordito non presentano colorazione

—————————————————-

(1) La bilirubina è un pigmento di colore giallo-rossastro, contenuto nella bile ed è un prodotto del catabolismo dell’emoglobina.

(2) La luce ultravioletta è una radiazione elettromagnetica invisibile, con una lunghezza d’onda inferiore alla luce visibile, ma più grande di quella dei raggi X.

(3) Fibre elementari aventi una struttura cilindrica (nel caso del lino) con lunghezza media di 30 millimetri e diametro medio di 20 micrometri. Principale costituente dei tessuti naturali cellulosici.

(4) Un micrometro equivale a un millesimo di millimetro.

(5) La scarica corona è un fenomeno per cui una corrente elettrica fluisce tra un conduttore a potenziale elettrico elevato e l’aria circostante ma senza provocare un arco. L’aria ionizzata emette radiazione visibile e ultravioletta.

Senza categoria

[Speciale Sindone] La Sindone e il Sudario di Oviedo si confermano a vicenda: ecco perché

by jeannedarc

Avevamo già parlato qui (Sacra Sindone, parla il Fisico dell’ENEA: ‘Vi svelo la verità’) delle scoperte scientifiche più recenti e attendibili in merito alla Sindone. Qui i dati vengono combinati con quelli risultanti dalle analisi del Sudario di Oviedo. Buona lettura! [RS]

la_sacra_sindone_emanuela_marinelli_reliquia

«Tutte le informazioni apportate dallo studio e dalla ricerca» sulla Sindone di Torino e sul Sudario di Oviedo «sono in accordo con quello che, dal punto di vista della Medicina forense, ci si dovrebbe aspettare che avvenisse su delle tele con queste caratteristiche se avessero coperto la testa di un cadavere con tutte le lesioni che patì Gesù di Nazareth, proprio come si racconta nei Vangeli». Lo ha affermato oggi il medico forense spagnolo Alfonso Sánchez Hermosilla al convegno del Centro Internazionale di Sindonologia che si è svolto il 1 maggio a Torino, dedicato all’aggiornamento sulle «principali tematiche» riguardante la Sindone.

Si trattava di un incontro non pubblico, ma riservato ai membri del Centro e quest’anno esteso anche ai gruppi e organizzazioni che in tutto il mondo collaborano con il Centro di Torino.  Sono infatti arrivati dalla Francia, Inghilterra, Spagna, Perù, Messico, Brasile e Bolivia più di 300 studiosi ed esperti. «Anche questa volta», ha spiegato Gian Maria Zaccone, direttore scientifico del Museo della Sindone,  «al centro del dibattito e degli interventi, non è il tema dell’autenticità del Telo. Scopo dell’incontro è fare il punto su alcuni temi della ricerca sindonica che necessitano di approfondimento, quali ad esempio il ruolo della ricerca palinologica ed il significato della ricerca storica ed informatica sulla Sindone».

Tra gli esperti ha preso la parola anche Sánchez Hermosilla, direttore del EDICES (Gruppo di Investigazione del Centro Spagnolo di Sindonologia), il medico forense che ha continuato gli studi intrapresi negli anni Sessanta da monsignor Giulio Ricci sul Sudario di Oviedo. «La somiglianza nella morfologia delle macchie e la dimensione delle stesse con la Sindone di Torino», fece pensare  a Ricci «che aveva effettivamente trovato la reliquia di cui parla San Giovanni» nel suo Vangelo, quando accenna al sudario nel sepolcro. «Dal punto di vista dell’antropologia forense e della medicina forense – ha continuato Sánchez – tutte le informazioni messe in evidenza dall’investigazione scientifica, sono compatibili con l’ipotesi che la Sindone di Torino e il Sudario coprirono il cadavere della stessa persona».

sudario-di-oviedo

Il Sudario di Oviedo è una reliquia che si conserva nella cattedrale di “El Salvador” a Oviedo, in Spagna, nella Camera Santa utilizzata come cappella del palazzo durante il regno del re Alfonso II, un edificio annesso al palazzo e costruito con l’intenzione di alloggiare il Sudario insieme ad altre reliquie dallo stesso re. «Questa tela si trova in questa regione della Spagna del nord dall’anno 812 o 842» ed «è confezionata in lino; ha una dimensione di circa 84 + 54 centimetri». La struttura tessile della Sindone e del Sudario «hanno la stessa composizione, concretamente lino, identico spessore delle fibre, sono filati a mano e con una torsione a “Z”, anche se sono stati tessuti in modi differenti: sargia a spiga per la Sindone e motivo ortogonale (taffettà) per il Sudario».

Nel Sudario non compare nulla di simile all’immagine misteriosa presente nella Sindone e prodottasi dopo che il corpo avvolto nel lenzuolo lo aveva macchiato d sangue e fluidi. Vi si trovano infatti soltanto tracce di sangue e altri fluidi corporali «provenienti da un cadavere umano», come già aveva affermato nel 1985 il professor Pierluigi Baima Bollone, confermando che inoltre il sangue era del gruppo AB, dato che fu confermato posteriormente dal dottor José Delfín Villalaín Blanco.

«Lo studio morfologico delle macchie presenti sulle due tele – ha affermato Sánchez – manifestano un’evidente somiglianza tra loro, la causa si deve al fatto che il cadavere che le originò fu trattato con molta cura in entrambi i casi». Certo, ammette lo studioso spagnolo, «bisogna tenere in conto che questa somiglianza morfologica tra le macchie di sangue potrebbe non essere rilevante: teste diverse possono dare macchie molto simili, così come una stessa testa può dare macchie molto diverse. Nonostante ciò – ribadisce – entrambe le formazioni si corrispondono molto bene, se si confrontano entrambe le reliquie, sia per la relativa posizione, sia per la dimensione superficiale, a cui bisogna aggiungere la concordanza delle distanze tra le lesioni che originarono le macchie».

Sánchez Hermosilla ha fatto notare come il Sudario di Oviedo «nascose il volto del cadavere» prima che questo fosse avvolto nella Sindone di Torino. «Dal punto di vista della Medicina forense, appare un elevato numero di concordanze tra le lesioni che si notano nell’immagine sindonica, e quelle che si possono osservare nello studio criminalistico del Sudario di Oviedo. Inoltre, tutte queste lesioni, concordano con le scoperte che, ai suoi tempi, realizzò lo STURP attraverso l’uso del VP8».

Tra le evidenze che il medico spagnolo ritiene più importanti si segnalano le macchie di sangue attribuire alle spine della corona che «appaiono in entrambe le reliquie con una grande somiglianza nella distanza che le separa tra di loro».La superficie «occupata dalla narice in entrambe le tele è molto simile, nel Sudario di Oviedo occupa un’area di 2,280 cm², e nella Sindone di 2 cm². Così anche verso la metà della regione destra del naso appare una zona infiammata con una superficie di 100 mm² nel Sudario e di 90 mm² nella Sindone».

Inoltre, una delle macchie del Sudario di Oviedo «sembra compatibile con alcune delle ferite causate dal Flagrum Taxilatum» – il flagello usato per colpire l’uomo sindonico – «nella parte destra del collo, e risulta essere compatibile con alcune delle impronte della Sindone di Torino attribuite a questa stessa ragione. Nella regione occipitale appaiono macchie di sangue vitale, cioè che si versò quando il condannato era ancora vivo, sono molto simili in entrambe le tele e sembrano relazionarsi con le lesioni del cuoio capelluto, inoltre risultano essere in accordo con quelle che produrrebbe una corona di spine».

«All’altezza della 7° vertebra cervicale, o vertebra prominens, nel Sudario di Oviedo – continua lo studioso – compare una macchia che prende la forma di una farfalla, e che si poté originare come conseguenza della precisa cucitura della tela di Oviedo ai capelli del cadavere unto di sangue ancora fresco. Questo modo di cucire la tela alla capigliatura ne produsse la forma che si può osservare nell’immagine sindonica e che alcuni autori credettero di identificare con una specie di codino o addirittura una treccia, costituendo un’altra prova dell’influenza che ebbe l’utilizzo anteriore del Sudario rispetto alla Sindone. Ad entrambi i lati di questa macchia ne appaiono altre causate dai fluidi cadaverici, e che sono simili nella Sindone e nel Sudario».

topic

Sánchez ha anche affermato che sul Sudario di Oviedo compare una macchia localizzata proprio nell’angolo inferiore sinistro del rovescio della tela, «che potrebbe essersi prodotto come conseguenza dell’orifizio di uscita della lesione causata dalla lancia, questa macchia ha la sua equivalenza nella Sindone di Torino e potrebbe essere passata inosservata fino ad allora per la sua somiglianza morfologica con le macchie attribuite alla flagellazione. Oltre a questa macchia, appaiono segni indiretti della lancia, così come gli abbondanti coaguli di fibrina che compaiono nella cosiddetta macchia diffusa e macchia a fisarmonica».

Le ricostruzioni tridimensionali del volto dell’uomo della Sindone sono compatibili con le macchie presenti nel Sudario. «Dopo aver conosciuto le proporzioni craniometriche presenti in entrambe le reliquie, e una volta realizzata la loro comparazione, si evince che sono concordi, ciò che ha permesso allo scultore D. Juan Manuel Miñarro López di realizzare una ricostruzione del volto dell’Uomo della Sindone. Questa ricostruzione è totalmente compatibile con il volto dell’Uomo del Sudario, non solo per le sue proporzioni antropometriche, ma anche nelle lesioni traumatiche che presentano entrambe».

«Di fatto, si verificò anche la compatibilità del volto una volta scolpito, dato che si colorò nelle regioni anatomiche che sono macchiate di sangue nel Sudario di Oviedo, sopra di loro venne messa una tela con molta attenzione in modo da scoprirlo successivamente e verificare il risultato; le impronte risultanti apparvero molto simili a quelle della tela di Oviedo».

Infine, incrostato in un coagulo di sangue proveniente dal Sudario di Oviedo, «si è scoperto un granello di polline che è stato morfologicamente identificato dalla biologa dell’EDICES Marzia Boi come appartenente al genere botanico Helicrisum, ed è compatibile con altri pollini analoghi trovati da altri investigatori sulla Sindone di Torino. Questa scoperta, oltre a mostrare un’ulteriore analogia tra le due reliquie, potrebbe appoggiare l’ipotesi di Marzia Boi secondo cui parte dei pollini potrebbero essere arrivati alle tele procedenti dagli unguenti con cui fu avvolto il cadavere».

Fonte

Senza categoria
15/02/2013 

“La Sindone non è un falso”

Sindone

SINDONE

Una nuova ricerca dell’Enea sul sacro Lino custodito a Torino

MARCO TOSATTI
ROMA

L’Enea, l’agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, ha pubblicato un rapporto sui cinque anni di esperimenti svolti nel centro Enea di Frascati sulla “colorazione simil-sindonica di tessuti di lino tramite radiazione nel lontano ultravioletto”. In parole povere: si è cercato di capire come si è impressa sul telo di lino della Sindone di Torino l’immagine così particolare che ne costituisce il fascino, e il più grande e radicale interrogativo, di “individuare i processi fisici e chimici in grado di generare una colorazione simile a quella dell’immagine sindonica”.

Nell’articolo linkato si trova lo sviluppo della ricerca. Gli scienziati (Di Lazzaro, Murra, Santoni, Nichelatti e Baldacchini) partono dall’ultimo (e unico) esame completo interdisciplinare del lenzuolo, compiuto nel 1978 dalla squadra degli scienziati americani dello STURP (Shroud of Turin Reasearch Project). Una base di partenza di cui troppo spesso chi scrive e discetta di Sindone preferisce non tenere conto, a dispetto dell’evidenza dei dati, verificati da un accurato controllo su riviste “peer rewieved”, cioè approvate da altri scienziati in modo oggettivo e indipendente.

Il rapporto dell’Enea smentisce, con molto fair play, quasi “en passant”, ma con molta chiarezza, l’ipotesi che la Sindone di Torino possa essere opera di un falsario medievale. L’ipotesi è stata avvalorata – contro molte argomentazioni di peso – dall’esito delle discusse, e probabilmente falsate – misurazioni al C14; un esame la cui credibilità è stata resa molto fragile oltreché dalla difficoltà oggettiva (le possibilità di contaminazione di un tessuto di cui non si conosce che in parte il percorso storico sono altissime), anche da errori fattuali di calcolo, dimostrati, e dall’impossibilità di ottenere per i controlli necessari i “dati grezzi” dai laboratori. A dispetto delle reiterate richieste. Un’omissione che basta da sola a gettare un’ombra pesante sulla correttezza scientifica dell’episodio.

Scrive il rapporto: “La doppia immagine (frontale e dorsale) di un uomo flagellato e crocifisso, visibile a malapena sul lenzuolo di lino della Sindone di Torino   presenta numerose caratteristiche fisiche e chimiche talmente peculiari   che rendono ad oggi impossibile ottenere in laboratorio una colorazione identica in tutte le sue sfaccettature, come discusso in numerosi articoli, elencati nelle referenze. Questa incapacità di replicare (e quindi falsificare) l’immagine sindonica impedisce di formulare un’ipotesi attendibile sul meccanismo di formazione dell’impronta.  Di fatto, ad oggi la Scienza non è ancora in grado di spiegare come si sia formata l’immagine corporea sulla Sindone.

A parziale giustificazione, gli Scienziati lamentano l’impossibilità di effettuare misure dirette sul lenzuolo sindonico.  Infatti, l’ultima analisi sperimentale in situ delle proprietà fisiche e chimiche dell’immagine corporea della Sindone fu effettuata nel lontano 1978 da un gruppo di 31 scienziati sotto l’egida dello Shroud of Turin Research Project, Inc. (STURP). Gli scienziati utilizzarono strumentazione all’avanguardia per l’epoca, messa a disposizione da diverse ditte produttrici per un valore commerciale di due milioni e mezzo di dollari, ed effettuarono numerose misure non distruttive di spettroscopia infrarossa, visibile e ultravioletta, di fluorescenza a raggi X, di termografia e pirolisi, di spettrometria di massa, di analisi micro-Raman, fotografia in trasmissione, microscopia, prelievo di fibrille e test microchimici”.

Le analisi effettuate sul telo sindonico non trovarono quantità significative di pigmenti (coloranti, vernici) né tracce di disegni.  Sulla base dei risultati delle decine di misure effettuate, i ricercatori STURP conclusero che l’immagine corporea non è dipinta, né stampata, né ottenuta tramite riscaldamento. Inoltre, la colorazione dell’immagine risiede nella parte più esterna e superficiale delle fibrille che costituiscono i fili del tessuto di lino, e misure effettuate recentemente su frammenti di telo sindonico dimostrano che lo spessore di colorazione è estremamente sottile, pari a circa 200 nm = 200 miliardesimi di metro, ovvero un quinto di millesimo di millimetro, corrispondente allo spessore della cosiddetta parete cellulare primaria della singola fibrilla di lino. Ricordiamo che un singolo filo di lino è formato da circa 200 fibrille.

Altre importanti informazioni derivate dai risultati delle misure STURP sono le seguenti: Il sangue è umano, e non c’è immagine sotto le macchie di sangue; la sfumatura del colore contiene informazioni tridimensionali del corpo; le fibre colorate (di immagine) sono più fragili delle fibre non colorate; la colorazione superficiale delle fibrille di immagine deriva da un processo sconosciuto che ha causato ossidazione, disidratazione e coniugazione della struttura della cellulosa del lino. “In altre parole, la colorazione è conseguenza di un processo di invecchiamento accelerato del lino”.

Come già accennato, fino ad oggi tutti i tentativi di riprodurre un’immagine su lino avente le medesime caratteristiche sono falliti. Alcuni ricercatori hanno ottenuto immagini aventi un aspetto simile all’immagine sindonica, ma nessuno è mai riuscito a riprodurre simultaneamente tutte le caratteristiche microscopiche e macroscopiche. “In questo senso, l’origine dell’immagine sindonica è ancora sconosciuta. Questo sembra essere il nodo centrale del cosiddetto “mistero della Sindone”: indipendentemente dall’età del lenzuolo sindonico, che sia medioevale (1260 – 1390) come risulta dalla controversa datazione al radiocarbonio o più antico come risulta da altre indagini, e indipendentemente dalla reale portata dei controversi documenti storici sull’esistenza della Sindone negli anni precedenti il 1260, la domanda più importante, la “domanda delle domande” rimane la stessa: come è stata generate l’immagine corporea sulla Sindone?”.

Ci sono due possibilità, scrivono gli scienziati, su come il lenzuolo sindonico sia stato posto intorno al cadavere: posato sotto e sopra (non completamente a contatto con tutto il corpo irrigidito dal rigor mortis) oppure pigiato sul corpo e legato in modo da avere un contatto con quasi tutta la superficie corporea.

“La prima modalità è avvalorata dal fatto che esiste una precisa relazione tra l’intensità (sfumatura) dell’immagine e la distanza fra corpo e telo. Inoltre, l’immagine è presente anche nelle zone del corpo non a contatto con il telo, ad esempio immediatamente sopra e sotto le mani, e intorno la punta del naso. La seconda modalità è meno probabile perché sono assenti le deformazioni geometriche tipiche di un corpo a tre dimensioni riportato a contatto su un lenzuolo a due dimensioni. Inoltre, manca l’impronta dei fianchi del corpo. Di conseguenza, possiamo dedurre che l’immagine non si è formata dal contatto del lino con il corpo”.

E’ proprio questa osservazione, “unita alla estrema superficialità della colorazione e all’assenza di pigmenti” che “rende estremamente improbabile ottenere una immagine simil-sindonica tramite metodi chimici a contatto, sia in un moderno laboratorio, sia a maggior ragione da parte di un ipotetico falsario medioevale”. Sotto le macchie di sangue non c’è immagine. Questo significa che le tracce di sangue si sono depositate prima dell’immagine. Quindi l’immagine si formò in un momento successivo alla deposizione del cadavere. Inoltre tutte le macchie di sangue hanno contorni ben definiti, senza sbavature, quindi si può ipotizzare che il cadavere non fu asportato dal lenzuolo. “Mancano segni di putrefazione in corrispondenza degli orifizi, che si manifestano dopo circa 40 ore dalla morte. Di conseguenza, l’immagine non dipende dai gas di putrefazione e il cadavere non rimase nel lenzuolo per più due giorni”.

Una della ipotesi relative alla formazione dell’immagine era quella di una forma di energia elettromagnetica (ad esempio un lampo di luce a corta lunghezza d’onda), che potrebbe avere i requisiti adatti a riprodurre le caratteristiche dell’immagine sindonica, quali la superficialità della colorazione, la sfumatura del colore, l’immagine anche nelle zone del corpo non a contatto con il telo e l’assenza di pigmenti sul telo.

I primi tentativi di riprodurre il volto sindonico tramite radiazione, utilizzarono un laser CO2 che hanno prodotto una immagine su un tessuto di lino simile a livello macroscopico. Tuttavia, l’analisi microscopica ha evidenziato unacolorazione troppo profonda e molti fili di lino carbonizzati, caratteristiche incompatibili con l’immagine sindonica. Invece i risultati dell’Enea “dimostrano che un brevissimo e intenso lampo di radiazione VUV direzionale può colorare un tessuto di lino in modo da riprodurre molte delle peculiari caratteristiche della immagine corporea della Sindone di Torino, incluse la tonalità del colore, la colorazione superficiale delle fibrille più esterne della trama del lino, e l’assenza di fluorescenza”. Tuttavia, avvertono gli scienziati dell’Enea, “va sottolineato che la potenza totale della radiazione VUV richiesta per colorare istantaneamente la superficie di un lino corrispondente ad un corpo umano di statura media, pari a IT  superficie corporea = 2000 MW/cm2  17000 cm2 =  34mila miliardi di Watt rende oggi impraticabile la riproduzione dell’intera immagine sindonica usando un singolo laser eccimero, poiché questa potenza non può essere prodotta da nessuna sorgente di luce VUV costruita fino ad oggi (le più potenti reperibili sul mercato arrivano ad alcuni miliardi di Watt)”.

Però l’’immagine sindonica “presenta alcune caratteristiche che non siamo ancora riusciti a riprodurre, – ammettono – per esempio la sfumatura dell’immagine dovuta ad una diversa concentrazione di fibrille colorate gialle alternate a fibrille non colorate”.  E avvertono: “Non siamo alla conclusione, stiamo componendo i tasselli di un puzzle scientifico affascinante e complesso”.  L’enigma dell’origine dell’immagine della Sindone di Torino rimane ancora “una provocazione all’intelligenza”, come aveva detto Giovanni Paolo II.